cos'è l'ambiente definizione

Cos’è l’ambiente: definizione e caratteristiche

Spieghiamo cos’è l’ambiente e quali elementi lo compongono. Inoltre, le cause della sua contaminazione e come proteggerlo.

Cos’è l’ambiente?

L’ambiente è lo spazio in cui si sviluppa la vita degli organismi e che permette la loro interazione. È costituito da esseri viventi (fattori biotici), elementi non viventi (fattori abiotici) ed elementi artificiali creati dall’uomo.

Quando si parla di fattori biotici si fa riferimento a tutti gli esseri viventi che vivono in un ambiente (batteri microscopici, funghi , flora, fauna, esseri umani ) e alle interazioni tra di essi. D’altra parte, i fattori abiotici sono quelli che mancano di vita ma determinano lo spazio fisico dell’ambiente (come aria, suolo e acqua) e sono essenziali per la sussistenza degli organismi viventi.

Gli elementi artificiali comprendono tutti quelli creati dall’essere umano, come l’urbanizzazione, la cultura, le tradizioni. La somma di questi valori naturali, culturali e sociali in un particolare momento storico e luogo costituisce l’ambiente.

Importanza dell’ambiente

Tutti gli organismi ottengono dall’ambiente tutti gli elementi di cui hanno bisogno per vivere: dall’aria e dall’acqua, al riparo e al cibo che permette loro di crescere, svilupparsi e ottenere energia . Mantenere l’equilibrio dell’ambiente è fondamentale per sostenere la vita sulla Terra così come la conosciamo.

Inoltre, gli esseri umani utilizzano una grande quantità di risorse naturali dall’ambiente per soddisfare i propri bisogni, come vestiti, cibo e oggetti di uso quotidiano. Per questo motivo gli esseri umani devono conoscere e curare le loro interazioni con l’ambiente al fine di gestire in modo sostenibile le risorse naturali che ne consentono la crescita economica e lo sviluppo .

La fauna e la flora sono di vitale importanza per l’ambiente poiché hanno un’interdipendenza che consente l’equilibrio delle specie e lo sviluppo della biodiversità .

La sopravvivenza dell’uomo dipende in gran parte dalle interazioni e dall’uso consapevole della flora, della fauna e delle risorse naturali, nonché dallo sviluppo delle relazioni sociali, politiche ed economiche che fanno parte del loro ambiente.

Quando l’essere umano si prende cura dei fattori abiotici (ad esempio i fiumi di una regione) e dei fattori biotici (come gli alberi di una foresta) mantiene e preserva il futuro della sua specie, il futuro del resto del organismi e quello delle generazioni future.

caratteristiche ambiente

Caratteristiche dell’ambiente

  • L’ambiente deve essere curato e protetto per lo sviluppo delle specie presenti e future. È studiato dall’ecologia, che è la branca della biologia che studia gli esseri viventi e la loro interazione con il loro ambiente.
  • I diversi ecosistemi sono formati dall’insieme delle specie in una determinata area e dalle loro interazioni tra loro e con il loro ambiente. Le specie che fanno parte di un ecosistema dipendono l’una dall’altra. Pertanto, le relazioni stabilite tra loro e il loro ambiente consentono il flusso di energia e materia all’interno dell’ecosistema.
  • L’imboschimento è un tassello fondamentale nell’equilibrio dell’ambiente, poiché gli alberi svolgono funzioni vitali per la maggior parte della fauna e degli esseri umani (sono ad esempio i principali produttori di ossigeno negli ecosistemi terrestri).
  • Le risorse naturali fanno parte dell’ambiente: sono tutti elementi materiali o energetici che esistono naturalmente (cioè sono disponibili senza l’intervento dell’uomo) e sono utilizzati dall’essere umano per coprire i propri bisogni primari e per il proprio sviluppo economico e sociale.
  • L’ambiente naturale è costituito da tutti gli esseri viventi , sia vegetali che animali; e fattori abiotici: organismi non viventi (acqua, aria, suoli, rocce) essenziali per la vita degli organismi viventi.
  • Negli ambienti in cui interviene l’essere umano, sono inclusi anche gli aspetti sociali, economici e politici.

Trasformazione ambientale

Nel corso degli anni, specie vegetali e animali si sono evolute e si sono adattate a diversi ecosistemi. L’acquisizione di caratteristiche che davano loro la tolleranza a resistere in un determinato ambiente ha fatto sì che alcune specie siano sopravvissute nel tempo , mentre altre che non hanno saputo adattarsi si siano estinte.

Molte delle trasformazioni dell’ambiente avvengono naturalmente e non dipendono dall’uomo, ad esempio i cambiamenti nell’ecosistema che possono essere generati dall’eruzione di un vulcano o da un’alluvione.

Tuttavia, la maggior parte dei cambiamenti nell’ambiente sono causati dall’azione dell’uomo . L’uomo è l’organismo vivente che interviene maggiormente nell’ambiente: non solo crea l’ambiente artificiale, ma esplora, modifica e utilizza le risorse dell’ambiente naturale per la propria sopravvivenza e benessere.

Sebbene alcune delle trasformazioni introdotte dall’uomo non abbiano impatti negativi significativi sull’ambiente naturale, molte altre portano danni irreversibili a causa dell’inquinamento e della distruzione dell’ambiente.

L’uomo ha modificato l’ambiente naturale attraverso l’urbanizzazione, l’uso eccessivo delle risorse naturali e l’industrializzazione.

Inquinamento

inquinamento ambientale

L’inquinamento ambientale è definito come la presenza nell’ambiente di agenti chimici, fisici o biologici che possono avere effetti dannosi sulla sicurezza e sulla salute degli esseri viventi. È uno dei problemi ambientali più gravi dell’ultimo secolo.

Quando la popolazione iniziò a crescere e l’uso della tecnologia aumentò , l’impatto dell’essere umano sull’ambiente naturale iniziò ad essere maggiore e più dannoso.

L’inquinamento iniziò a peggiorare esponenzialmente nella seconda metà del 18° secolo dopo la Rivoluzione Industriale, a causa dello sfruttamento delle risorse minerarie e fossili. In questo modo si perdeva l’equilibrio del sistema ambientale e per molti esseri viventi era addirittura impossibile adattarsi a questi grandi cambiamenti.

L’ inquinamento ambientale prodotto dall’uomo può avere origini diverse e interessare diversi elementi e organismi dell’ambiente naturale:

  • Distruzione delle foreste. È prodotto dall’abbattimento indiscriminato di alberi essenziali per la sopravvivenza degli esseri viventi. Nella maggior parte dei casi, si verifica a causa dell’espansione delle aree urbane, dell’espansione delle zone industriali o per attività zootecniche e agricole .
  • Inquinamento delle acque. È prodotto principalmente dai rifiuti industriali e domestici gettati nei fiumi e nei mari .
  • Sfruttamento delle risorse naturali. Le mega attività minerarie, che includono l’estrazione di petrolio , generano rifiuti e mettono a rischio gli ecosistemi
  • Inquinamento atmosferico. L’industria e le automobili rilasciano gas che contribuiscono al riscaldamento globale .
  • Diminuzione della biodiversità. L’impatto che l’inquinamento dell’aria e dell’acqua produce sulle diverse specie di organismi viventi genera uno squilibrio negli ecosistemi, che porta all’estinzione di quelle specie che non riescono ad adattarsi ai cambiamenti dell’ambiente.
  • Contaminazione del suolo. L’uso di pesticidi e rifiuti plastici , nucleari e non biodegradabili produce il degrado del suolo.

Come prendersi cura dell’ambiente?

Per evitare la distruzione dell’ambiente e la sopravvivenza degli esseri viventi e dello sviluppo umano , è necessario adottare le precauzioni e le azioni necessarie. Innanzitutto dobbiamo fare un buon uso delle risorse naturali, non utilizzarle indiscriminatamente, e prestare attenzione a temi come il cambiamento climatico e la tutela della biodiversità .

Per svolgere questo compito di tutela ambientale, è importante che tutti gli attori della società prendano coscienza e si impegnino. È necessario esigere che Stati e governi promuovano la cura dell’ambiente e controllino l’azione delle industrie, delle imprese e della comunità scientifica .

Anche da casa, ogni individuo può prendere misure contro il consumo e la produzione, e anche cambiare abitudini e routine verso quelle più sostenibili come:

  • Usare consapevolmente l’acqua.
  • Non gettare rifiuti sulle strade pubbliche.
  • Ridurre l’uso di imballaggi in plastica.
  • Utilizzare un sacchetto di stoffa per gli acquisti e quindi scoraggiare l’uso di sacchetti di plastica nei negozi.
  • Mantenere gli spazi verdi urbani in buone condizioni.
  • Usare i mezzi pubblici o la bicicletta invece di auto o autobus.
  • Trovare le aziende che cercano di ridurre l’impatto ambientale nella produzione dei loro beni e servizi e affidarsi a loro.
  • Usare l’energia in modo consapevole: spegni le luci, evita di tenere gli elettrodomestici collegati quando non sono in uso.
  • Separare i rifiuti domestici.
  • Riutilizzare contenitori di plastica e vetro.
  • Incoraggiare queste azioni tra amici e familiari.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.